Tutti i Sabato a pranzo sara' possibile scegliere tra il menu' fisso e quello alla carta!! - Dal 21 Settembre al 31 Dicembre con la "RASSEGNA GASTRONOMICA D'AUTUNNO" - Al Giovedi' sera con "RISOTTO ALLA MILANESE CON OSSOBUCO" e al Venerdi' sera dal menu alla carta sara' disponibile la "ZUPPA DI PESCE" - E' gradita la prenotazione... STAY TUNE!!!
 
 































 
Detti Popolari





RICCHI E POVERI


Se gh'èsum de éser töti indüìin, sarèsum mìia cuzé puarìin
Se tutti fossi indovini, non saremmo così poveri


Le palàanche mìia südàade le se spèent a brancàade
i soldi guadagnati facilmente si spendono a manate


Chi ghe n'àa püsèe, püsèe el na vóol
Chi più ne ha, più ne vuole


La pàansa l'è tàma la sacòsa, püsèe ròba ghe và dèenter püsèe la se ingròsa
La pancia è come la tasca, più roba ci va dentro e più diventa grossa


Gh'è mìia en màagher campanìin che 'l dàga mìia pàan e vìin
Non c'è nessuna campana, per quanto piccola, che non garantisca pane e vino


El padròon le 'l padròon perchè se 'l dìis àan dèle cagàade nisöön ghe dà dèl cuiòon
il padrone è il padrone perché anche se dice delle stupidaggini nessuno gli dice che è uno scemo


L'èerba vói la crès in dèl portafói
L'erba voglio cresce nel portafoglio


Bràaghe óonte ma palàanche próonte
Calzoni unti, ma soldi alla mano


Chi se fìida dèla gèent rìca, l'è mèi che 'l se impìca
Chi si fida dei ricchi, è meglio che si impicchi


i sòolt i fa mìia sèen cuntèent, ma i gài màai
i soldi non sempre fanno contenti, ma i debiti mai


Mèi pòover e fürtünàat che siör e disgrasiàat
Meglio poveri e fortunati che ricchi e disgraziati


A chèi che tìira avàanti la vìta cun i dèent, ghe sèerf aiöt e mìia cumplimèent
A chi tira avanti la vita con i denti servono aiuti e non complimenti


Chi divèenta puarèt el pèert l'amìich e l'amighèt
Chi diventa povero perde l'amicone e l'amichetto


in dùa ghe n'è, ghe 'n và; in dùa ghe n'è mìia, na mèerda la ghe stà
Dove ci sono i soldi, ne arrivano altri; dove non ce ne sono arriva soltanto una cacca


Richésa, virtü e nubiltà, credìighe la metà dèla metà
Alla ricchezza, alla virtù e alla nobiltà credete la metà della metà


Bùca pièena la prutéesta màai
La bocca piena non protesta mai


El sparàgn l'è 'l prìm guadàagn
il risparmio è il primo guadagno


Òor tìira òor, e vàca tìira el tòor
Coi soldi nel borsello si fa ballare l'orso e anche l'orsa


Cùi sòolt in dèla bùursa se fa balàa l'ùurs e àanca l'ùursa
i soldi chiamano i soldi come la mucca richiama il toro


i siör i và in caròosa a l'infèerno e i puarèt i và in paradìis in scapìin
i ricchi vanno all'inferno in carrozza, e i poveracci vanno in paradiso a piedi nudi


Quàant d'i sòolt ne ghe n'è, se tàca lìite e sa sa mìia 'l perché
Quando non ci sono i soldi, si litiga senza perché


El pès gròos el màangia el picenìin
il pesce grosso mangia quello piccolo


i büregòon i è tàma i fradéi: i dìis che i te vóol bèen e i te impiàanta i curtéi
Gli agricoltori sono come i fratelli: dicono di volerti bene e poi ti accoltellano


Mèi 'n sórech in bùca a 'n gàt che 'n puarèt in màan a 'l aucàt
Sta meglio un topo in bocca ad un gatto che un povero in mano ad un avvocato


Se te gh'èet i sòolt in sacòsa te cispe màai la scòsa
Se hai i soldi in tasca, non prendi mai la scossa


Mèi salüte che valüte
Meglio la salute che i soldi


Chi gh'àa i sàant in paradìis el vìif sèen cùn el surìis
Chi ha i santi in paradiso vive sempre con il sorriso


Chi gh'àa le scàarpe che fa i buchèt, o'l camìna stòort o 'l è 'n puarèt
Chi ha le scarpe che si scuciono di fianco o in punta, o cammina male o è un poveraccio


Püsèe te gh'èet ròba, püsèe te gh'èet parèent
Più hai i soldi, più hai parenti


Chi gh'àa ròba in dèla càsa, pòorta sèemper chèla stràsa
Chi ha molti vestiti nell'armadio va in giro vestito da straccione


La bùca la se ràangia cùn chèl che se gh'àa
La bocca si arrangia con quello che trova


L'òm cùi sòolt l'è rìch, ma siör l'è chi ghe 'n impòorta 'n fìich
L'uomo con i soldi è ricco, ma vero signore è colui al quale non gliene importa niente


Se ghe n'è mìia, nisöön el póol dàane
Quando non ce né, nessuno può darne


Savìi chèl che se guadàgna vóol dìi savìi chèl che se màgna
Sapere quello che si guadagna vuol dire sapere quello che si mangia


Purtàase dèi sòci che và a róoda vóol dìi vìighe sèen la sacòsa vóoda
Andare con amici scrocconi vuol dire avere sempre il borsello vuoto


Stàa tàch à i sòolt e tégner a màan l'è l'ünica bàanca dèl vilàan
Contare bene i soldi e risparmiare è l'unica banca del poveraccio


Chi gh'àa gnàan na brìiza el rèesta in camìiza
Chi non ha più nemmeno una briciola resta in camicia


La cuntentèsa la vàal püsèe dèla richésa
La felicità vale più della ricchezza


Chi gh'àa tròpa mercansìa el la trà vìa
Chi ha troppa mercanzia la butta via


Al puarèt le disgràasie le ghe và in sö'l còo tàma i piöc
Le disgrazie vanno sulla testa del poveretto come i pidocchi


Dèl pòoch se'n gòot
Chi ha poco le lo gode

 


Osteria Degli Amici - Via Maggiore, 18 - 26025 Gradella di Pandino (CR) - Tel. 0373.90163 / 0373.90384 - Fax 0373.972686 - info@osteriadegliamici.com